Corruzione in Brasile

Corruzione in Brasile

La situazione politica del Brasile, oggi, si presenta dolorosamente spaccata in due con il partito del presidente Cardoso, da un lato, che ha privatizzato le imprese pubbliche dello stato, come l’impresa pubblica petrolifera che fa parte di una strategia statunitense per rendere l’impresa privata ed impossessarsi così del Presal, l’immenso giacimento petrolifero con cui il Brasile è balzato al quarto posto tra i produttori di petrolio al mondo. Gli scandali brasiliani fanno parte di un disegno che serve a rimuovere sia la classe politica che i partiti che hanno governato il Brasile. Non si sa chi deve governare, probabilmente la classe conservatrice filoamericana e militarista. L’epicentro della crisi è Brasilia, la capitale del paese che, nel tempo, ha accumulato inefficienze e corruzione di un sistema ormai screditato. Petrobras, la società energetica del paese e il petrolio dei brasiliani, è diventata la centrale da cui si dirama la rete di tangenti verso il sistema politico. I flussi di investimento dall’estero completa il quadro di un Paese fortemente vulnerabile.
Ringraziamo per l’articolo il sito di informazioni e vacanze in Brasile