Prestiti senza busta paga e stipendio

Ottenere prestiti senza busta paga e stipendio è possibile: proprio in relazione al fatto che oggi i titolari di un contratto di lavoro regolare, a tempo indeterminato e con busta paga sono sempre più pochi, vengono proposte soluzioni alternative dedicate proprio alle categorie più svantaggiate dal punto di vista reddituale. Le soluzioni sono diverse, è sufficiente un po’ di pazienza e di attenzione per poter giungere facilmente alla scelta più adatta in relazione alle proprie necessità.

Una possibilità offerta a chi desidera ottenere un prestito, soprattutto per finanziare progetti di imprenditoria e attività sociali, è quella dei microcrediti e dei fondi erogati dagli enti pubblici: in questi casi il finanziamento ha lo scopo di agevolare un’attività imprenditoriale, e non richiede quindi di esibire una busta paga, ma di rientrare in precisi requisiti.

Un altra tipologia i prestiti senza busta paga e stipendio, rivolti ai giovani che desiderano investire sul proprio futuro, sono i prestiti per gli studenti: si tratta di finanziamenti concessi agli studenti universitari che frequentano atenei convenzionati con i fondi e gli enti erogatori, oppure prestiti personali finalizzati all’acquisto di testi scolastici e materiale di studio. Generalmente, questo tipo di prestito non richiede buste paga e documenti che attestino un reddito, anche nel caso di studenti minorenni, e possono permettere di finanziare corsi universitari e master.

Per chi invece necessita di ottenere semplicemente un prestito personale, e non dispone di un reddito dimostrabile, la soluzione ideale è quella di ricorrere alla firma di una terza persona in qualità di garante. Il garante svolge la funzione di sopperire ad un’eventuale impossibilità da parte del debitore di osservare la scadenza di una o più rate, oltre a garantire, appunto, sulla sua affidabilità, anche in assenza di un reddito e di un patrimonio da sottoscrivere a ipoteca. Un’altra formula di finanziamento personale che si sta diffondendo è quella del prestito cambializzato: in questo caso la garanzia è costituita dalle cambiali, che costituiscono il metodo di pagamento delle rate. Il prestito viene concesso spesso anche a soggetti che hanno già avuto episodi di protesto, tuttavia la presenza delle cambiali, in caso di insolvenza, provoca la procedura di pignoramento.