A cosa servono i fornetti per unghie?

I fornetti per unghie sono uno strumento strettamente collegato alla ricostruzione delle unghie in gel, la nail art e la copertura dell’unghia naturale. Chi decide di cimentarsi in questo campo, deve perciò individuare i migliori fornetti per unghie e scegliere quello che fa a caso suo. Importante esattamente come l’acquisto di buoni colori, buone basi trasparenti, buoni pennelli etc.

Il fornetti per unghie è dotato di una lampada con i raggi ultra violetti, fatta apposta per le nostre unghie. Al suo interno ci sono un numero di bulbi, la cui potenza cambia da modello a modello, che permette in qualche manciata di secondi di far seccare il gel e i colori. Senza questo fornetto infatti, sarebbe impossibile fare tutto ciò.

A livello pratico questo fornetto unghie va a indurire e anche a polimerizzare il gel che l’onicotecnica utilizza per effettuare la ricostruzione dell’unghie professionale. Se il gel originariamente è liquido (o meglio, gelatinoso) per permettere appunto di stenderlo, essendo una sostanza fotosensibile si consolida quando viene esposto alla lampada che emette raggi UV. Tramite questa lampada è possibile fissare la nail art, cioè la decorazione su unghie, la ricostruzione dell’unghia, cioè il suo allungamento, e lo smalto semi permanente.

I tempi necessari per la polimerizzazione cambiano in base al prodotto stesso. Perciò dovete leggere sulla confezione quanto occorre. La mano dovrà rimanere all’interno per il tempo necessario. Per proteggere le mani, in alcuni casi l’estetista può farvi indossare degli appositi guanti che lasciano scoperte solo le unghie.

Come scegliere il fornetto per unghie?

Se dovete comprarne uno, vi spieghiamo adesso come scegliere il fornetto per unghie. Di solito una lampada professionale ha una potenza minima di 36 Watt e possiede tre o quattro bulbi. Permette di induire tutto il prodotto messo su ogni unghia contemporaneamente.

Una buona lampada, anche se non è questo dettaglio che fa la differenza, dovrebbe permettere di impostare il tempo. Programmare il timer a 120 secondi ti consente di non perdere la cognizione del tempo. Quando la lampada ha finito il suo lavoro, si spegne da sola.

Specifichiamo subito però che non esiste una lampada capace di polimerizzare tutti i gel che esistono. Perciò dovete scegliere la lampada in base al prodotto che intendete usare. Il rischio è quello di non fare un buon lavoro e veder insorgere allergie. Tuttavia non è detto che ogni volta che cambiate prodotto dovete comprare il fornetto nuovo, semplicemente ricordatevi di valutarne la effettiva compabilità.

Altra cosa che dovete controllare è la posizione dei bulbi. Devono essere ben distribuiti nella lampada. Devono essere presenti sia quelli superiori sia quelli laterali. Infine, la lampada UV deve avere delle dimensioni per voi comode, si perché dovrà entrare sul tavolo di lavoro.

Per il resto ovviamente andate a gusto personale. Possono essere esteticamente diverse, anche con fantasie originali. Potete anche trovarne varie in promozione, già correlate di gel e pennelli!