La normativa europea sulla commercializzazione dei prodotti a base di CBD

Negli ultimi anni il CBD, tecnicamente noto come cannabidiolo, ed i prodotti a base di CBD hanno riscosso un crescente successo in tutte le parti del mondo. Cos’è esattamente questa sostanza e quali sono gli effetti che produce a livello fisico e mentale?
Il CBD non è altri che uno dei cannabinoidi racchiusi nella pianta di Cannabis Sativa, utilizzata sin dall’antichità per la sua azione antiossidante, antinfiammatoria e non solo.
Purtroppo sulla Cannabis Sativa, nonostante le numerose ricerche scientifiche che ne confermano l’azione positiva in caso di stress, ansia e altri disturbi, esistono ancora molti pregiudizi, soprattutto dovuti alla scarsa informazione.

Olio di CBD: può davvero aiutare l’organismo?

Quando si parla di olio a base di CBD si rimane nell’ambito della cannabis legale, che vanta una bassa concentrazione di THC. Quest’ultima, infatti, non oltrepassa mai lo 0,2%.

Il cannabidiolo riesce ad interagire con i recettori presenti nel corpo umano, in particolare con il CB 1 e 2, racchiusi nel sistema nervoso centrale e periferico, nonché responsabili di varie funzioni vitali e delle emozioni. Nello specifico il CBD riesce ad influire sul benessere fisico e mentale, quindi a contrastare non solo il dolore che interessa le terminazioni nervose, ma anche gli stati infiammatori, l’ansia e lo stress.

Diversi studi medici condotti a livello internazionale hanno ampiamente dimostrato che l’olio di CBD non causa dipendenza. Coloro che lo assumono regolarmente e seguendo la corretta posologia non dovranno temere nemmeno controindicazioni, fastidi o effetti collaterali. A questo riguardo anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità in un famoso rapporto ha precisato che l’olio di CBD si rivela generalmente ben tollerato dai consumatori, sia uomini che donne.

Del resto siamo di fronte ad un prodotto completamente naturale, largamente riconosciuto quale valida alternativa per evitare l’assunzione di farmaci nel trattamento di tanti disturbi e patologie anche croniche. Migliori risultati, sia nel breve che nel lungo termine, si ottengono iniziando ad assumere quantità minime di olio di CBD, da aumentare secondo un programma personalizzato e da stabilire con uno specialista.

Una volta acquistato l’olio di CBD, che solitamente è contenuto in pratici flaconi dotati di tappo salvagoccia per consentire di prelevare le quantità precise di prodotto, sarà possibile iniziare il proprio percorso di benessere.

L’olio può essere ingerito o svapato. Nel primo caso basta mettere qualche goccia sotto la lingua, trattenere per qualche minuto e ingoiare. Nella seconda ipotesi sarà necessario utilizzare gli appositi vaporizzatori. Quanto alla corretta posologia, questa è molto soggettiva, oltre che strettamente legata al sesso, al peso corporeo e al tipo di disturbo che si desidera trattare.

Nella maggior parte dei casi viene consigliato di cominciare con un dosaggio minimo, in modo da abituare il corpo gradualmente alla nuova sostanza. Pertanto, almeno durante le prime due settimane, possono bastare 2 gocce al mattino e 3 alla sera. Passato questo periodo, tenuto conto delle esigenze del caso, è possibile aumentare il quantitativo da ingerire fino a 15 gocce, da distribuire opportunamente nell’arco della giornata.

In tutti i casi è sempre da evitare la posologia fai da te, che potrebbe scatenare effetti indesiderati, quali ad esempio nervosismo, stress, difficoltà a prendere sonno, secchezza delle fauci, irritabilità e molto altro. Le gocce di olio di CBD sublinguali offrono benefici immediati. Occorre comunque considerare che la posologia corretta dipende anche dalle concentrazioni di CBD, che possono variare da un olio all’altro.

Come mai l’olio di CBD viene sempre più acquistato?

Il CBD, oltre a non essere psicoattivo, viene utilizzato con risultati apprezzabili per una vasta gamma di applicazioni terapeutiche. Questo spiega come mai l’interesse della comunità scientifica su questa sostanza continui ad essere sempre ai massimi livelli.

L’olio di CBD, il cui punto di forza è sicuramente la versatilità, può essere utilizzato da chi soffre di patologie che scatenano convulsioni, specialmente dai pazienti che assumono farmaci antiepilettici non più efficaci nel gestire i sintomi. Il CBD, grazie alla sua efficacia anticonvulsivante, si dimostra un valido supporto nelle terapie per l’epilessia infantile, quali ad esempio la sindrome di Dravet.

Come appurato da diversi studi, il CBD riesce a diminuire significativamente le forme d’ansia, il disturbo ossessivo compulsivo e quello post traumatico. Inoltre è anche adatto quale antipsicotico, ovvero come rimedio per combattere gli stati depressivi e l’insonnia.

Grazie all’olio di CBD è anche possibile ridurre in maniera anche piuttosto rapida il senso di nausea, oltre che risolvere vari problemi legati alla digestione. Usato dagli sportivi amatoriali e professionisti, il CBD allevia i dolori articolari e muscolari, anche cronici e facilita il recupero fisico.

Negli ultimi tempi il CDB è stato anche impiegato come coadiuvante nel caso di terapie per trattare i problemi di asma, nonché a controllare il diabete e la glicemia. Molti consumatori scelgono il CBD anche per migliorare lo stato di salute della pelle, quando colpita da secchezza, scarsa idratazione, psoriasi, acne ecc. L’olio di CBD è infatti ricco di vitamine e presenta un’elevata concentrazione di acidi grassi Omega 3 e Omega 6, che fanno bene ai capelli e ne contrastano la caduta.

Inoltre, grazie agli antiossidanti che combattono i radicali liberi, l’olio di CDB è anche un potente anti-age, in grado di rallentare in maniera significativa la formazione delle rughe e le patologie neurodegenerative.

L’acquisto degli oli di CBD richiede comunque sempre molta attenzione e bisogna non compiere scelte affrettate o dettate solo dalla convenienza. Oggi è molto semplice acquistare oli di CBD online, anche a prezzi concorrenziali, ma i prodotti disponibili differiscono molto fra loro per qualità.

In fase di scelta, dunque, è fondamentale verificare che l’olio si non solo certificato, ma ottenuto dopo un’accurata selezione delle genetiche coltivate in agricoltura biologica.

Il metodo di estrazione gioca un ruolo determinante per stabilire la qualità dell’olio. In linea generale è sempre meglio concentrare la scelta su oli di CBD ottenuti tramite l’impiego di C02 a basse temperature, sistema all’avanguardia che consente di ottenere prodotti puri. Quest’ultimi si possono non solo ingerire in tutta sicurezza, ma utilizzare nei trattamenti con aromaterapia, quindi per praticare massaggi di bellezza per la pelle che svolgono un effetto rilassante muscolare e mentale.

Oli di CBD di elevata qualità, biologici, certificati, completamente naturali e aromatizzati al cocco per un gusto ancora più gradevole, si possono ordinare online, approfittando delle condizioni di vendita vantaggiose su Justbob.it, e-commerce al momento leader nel settore.